Castello d'Albertis - Museo delle Culture del Mondo

 

Straordinario punto panoramico sulla città, il Castello è stato costruito a fine ‘800 su fortificazioni cinquecentesche dal Cap. Enrico Alberto D’Albertis (1846-1932) ed è stato da lui donato insieme al materiale archeologico, etnografico e marinaresco raccolto in tutto il mondo nei suoi viaggi per mare e per terra.

Dopo accurati lavori di restauro, la dimora neogotica con i suoi rimandi esotici e le sue fascinazioni coloniali si è arricchita di un nuovo percorso nel bastione cinquecentesco dove volgere uno sguardo rinnovato sulle culture del mondo e sulla città stessa, attraverso ulteriori donazioni e acquisizioni da Africa, America e Oceania.

Immagini, narrazioni e suoni culminano nella sezione dedicata alle musiche dei popoli, curata dall’Associazione Culturale Echo Art. La nuova sezione permanente curata da Celso (Istituto Studi Orientali) esplora la filosofia, la storia e le tecniche delle medicine tradizionali con particolare riferimento a Cina, India, Tibet, Mondo arabo – islamico e medicine etniche.

Per informazioni su tariffe ed orari, si rimanda al sito della struttura.

Misure anticovid
E' raccomandato indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie (mascherina chirurgica oppure  FFP2) per la visita al museo e la partecipazione ad eventi e iniziative.
 
Allerta Meteo
In caso di allerta idrogeologica ROSSA diramata dalla Protezione Civile, il museo resterà chiuso e tutti gli eventi in programma saranno cancellati.

 

Info utili

Tel: +39 0102723820
In treno: Stazione di Genova Piazza principe, poi con Ascensore per via Montegalletto In autobus: fermata Firenze 1 / Dogali
The facility is accessible to the disabledNon sono ammessi animaliMuseo incluso nella Card MuseiGenova per i bambini