Salta al contenuto principale

Messaggio di stato

307
Sacro e Profano - il Canto degli Ultimi nella Storia dell'Arte Genovese
Calendary Dal 05-01-2024 al 21-01-2024

Sacro e Profano - il Canto degli Ultimi nella Storia dell'Arte Genovese

Nel Teatro Storico di Villa Duchessa di Galliera viene allestita l'esposizione temporanea dedicata al "Sacro e Profano - il Canto degli Ultimi nella Storia dell'Arte Genovese", inserita nel programma dei Rolli Days invernali del 2024 per il Comune di Genova; “Sacro e profano”, fil rouge degli stessi Rolli Days, legato alle tematiche che emergono nell'opera di De Andrè ma visto attraverso lo sguardo dei grandi pittori genovesi.

Anche l’esposizione di Villa Duchessa di Galliera, così come cita il programma dei Rolli, “prova a raccontare i contrasti sociali, urbani, artistici di una città ricca e complessa come Genova, in cui un ristretto gruppo di famiglie dalle ricchezze inimmaginabili governava una massa d’individui poverissimi, dove accanto alle monumentali vie dell’aristocrazia si insinuavano le strade più umili, nelle quali gli stessi artisti raccontavano le avventure degli eroi e degli dei nei palazzi, e le storie dei santi nelle chiese. Un suggestivo incontro del bellissimo e del terribile, di “Sacro e profano” che diventa una occasione per farsi ispirare dalle parole di Fabrizio De André a 25 anni dalla sua scomparsa”: Sono esposte una commovente Maddalena di Domenico Piola, la Pietà di Bernardo Strozzi e una tela raffigurante San Francesco opera di Alessandro Magnasco. Compaiono "gli ultimi", solitamente visti come soggetti marginali delle esposizioni con uno sguardo continuativo, cronologicamente esposto, che si snoda anche nell'800 con la Mater Caritatis di Nicolò Barabino, e arriva a toccare le scene di vita quotidiana, dei pescatori, delle comari e delle bettole di pittori come Evasio Montanella e Lazzaro Luxardo. Popolane, zingari e mendicanti abitano il mondo accanto ai borghesi e ai nobili genovesi. Non manca uno sguardo al contemporaneo con le opere di Francesco Cento e Luca Ferrando. Un assoluto inedito è poi l’Adorazione dei Magi, riscoperta nel Santuario di Nostra Signora delle Grazie per la quale saranno chiesti tutte le autorizzazioni per il restauro da parte dell’associazione degli Amici della Villa. Nelle giornate del 5, 6 e 7 gennaio viene anche aperta eccezionalmente la Sala degli Specchi e la Sala delle Conchiglie con i teli di fiandra appartenuti ai Duchi di Galliera e la suggestiva luce naturale e delle candele che crea uno scenario unico nel suo genere. Le opere provengono da collezionisti privati e fondazioni, tra questi l’Opera Pia Brignole Sale in Voltri, I Beni Culturali Cappuccini e, come ormai di consueto, Capozzi Antichità assieme alla Collezione Clerici con la partecipazione straordinaria di Flamingo Records Store. Il ricavato è devoluto alle manutenzioni del Parco Storico di Villa Duchessa di Galliera.

La sola mostra rimane aperta nelle giornate 13, 14, 20 e 21 gennaio, sempre su prenotazione. Sono inoltre riservate date infrasettimanali per i gruppi e le scuole prenotando su: info@villaduchessadigalliera.it

Si consiglia la prenotazione dato il consueto alto numero di richieste. Già da oggi si può prenotare cliccando sul link Happyticket:  http://bit.ly/villaduchessa_tickets

Info utili

Potrebbe interessarti anche...

Limiti, Confini, Soglie

Limiti, Confini, Soglie

Data di svolgimento: 18 Lug 24 - 08 Set 24

Scopri di più

Artificialia

Artificialia

Data di svolgimento: 18 Lug 24 - 13 Ott 24

Scopri di più

Storie di amici - esposizione bibliografica

Storie di amici - esposizione bibliografica

Data di svolgimento: 15 Lug 24 - 31 Lug 24

Scopri di più

Storia italo-francese del Tour de France

Storia italo-francese del Tour de France

Data di svolgimento: 10 Lug 24 - 28 Lug 24

Scopri di più

BIS – Biennale Itinerante del Sociale - Photojournalism

BIS – Biennale Itinerante del Sociale - Photojournalism

Data di svolgimento: 08 Lug 24 - 14 Lug 24

Scopri di più