Camogli, Portofino e Santa Margherita

Scena del jet set internazionale, borgo di pescatori già in epoca romana, sede privilegiata di attività all’aria aperta all’interno di un’area protetta incastonata in un  paesaggio unico al mondo: una destinazione raggiungibile e visitabile da Genova in giornata. E che non ha bisogno di presentazioni. In una parola, Portofino. 

Attorno al cui promontorio, che col suo profilo si impone allo sguardo di chiunque da Genova guardi verso il mare, si trova un’area di grande fascino, che riunisce eccellenze naturalistiche di primo piano e alcuni borghi bellissimi, che rappresentano la Liguria più autentica.

Camogli, che si raggiunge facilmente in auto e in treno da Genova, squaderna davanti agli occhi del visitatore la sua scenografica passeggiata a mare, incorniciata dalla serie continua delle facciate colorate e da decine di ristorantini, panettieri dove gustare ottima focaccia, negozietti di oggetti marinareschi, e una lunga spiaggia di ciottoli; in fondo, su uno sperone di roccia scura, la chiesa dell’Assunta e il Castello si alzano a protezione del borgo, regalando tramonti indimenticabili e fotografie perfette. Il porticciolo che brulica di pescherecci, i vicoli stretti e ripidissimi, la passeggiata lungo il molo fino al piccolo faro: ogni scorcio a Camogli regala un’emozione.

Da Camogli e da Portofino, solo in battello o piedi, si raggiunge un gioiello unico, incastonato nel verde del promontorio e affacciato su una baia di smeraldo: il borgo di San Fruttuoso e la sua straordinaria Abbazia, con una lunga storia che va dall’epoca romana al Medioevo e un’architettura che vi lascerà senza fiato. Dal 1982 l’Abbazia è un bene del FAI – Fondo Ambiente Italiano: San Fruttuoso è stata la prima proprietà, donata al Fai dalla famiglia Doria che la possedeva dal Duecento.

Per fermarsi sulla sua piccola spiaggia, è necessario verificare le modalità di accesso

Sull’altro lato del promontorio, una stella del jet set internazionale e scenario di produzioni hollywoodiane fin dagli anni Cinquanta: Portofino, che non ha bisogno di presentazioni. Già ricordata ai tempi dei romani per il suo porto naturale, borgo di pescatori fino a tempi recenti, è poi diventata una delle località più esclusive del mondo, per la bellezza della sua insenatura dominata dalla chiesa di San Giorgio e dal Castello Brown, la corona di facciate colorate attorno al porto, le passeggiate fino al Faro o fino a Paraggi; ma anche per gli hotel esclusivi, le boutique delle griffe più importanti del mondo, i ristoranti sul mare.

Portofino si raggiunge in battello o in autobus, da Rapallo e Santa Margherita Ligure o con una splendida passeggiata panoramica; data la scarsità di parcheggi si sconsiglia di arrivare in auto.

Il percorso fra Portofino e Santa Margherita riserva altre meraviglie: la baia di Paraggi, col suo mare verdissimo su cui si affacciano i castagni; e l’abbazia della Cervara, affacciata sul mare e su un magnifico giardino all’italiana.

Santa Margherita Ligure mostra tutti i volti della Riviera Ligure: un borgo caratteristico e un porticciolo animato dai pescatori (imperdibile l’arrivo delle barche cariche di pesce, a metà pomeriggio), ma anche i locali più ricercati per un aperitivo o per una serata esclusivi, negozi perfetti per lo shopping più raffinato, ville d’altri tempi e un tono decisamente internazionale. Per chi ha bisogno di una sosta tranquilla dopo tanta vita mondana, imperdibili il bel parco e la magnifica terrazza panoramica di Villa Durazzo.

 

Info utili