Tra i monti del genovesato - monte Penello

San Carlo di Cese – Camposilvano – Colle Gandolfi – Monte Penello

Percorso di raccordo tra San Carlo di Cese e l’Alta Via dei Monti Liguri.

Difficoltà: E

Dislivello: 770 m

Durata: 2 ore e 40 min

Lunghezza: 4,8 km

Da Camposilvano (318 m), frazione di San Carlo di Cese, si inizia la salita lungo una stradina secondaria che si dirige verso ovest, seguendo il segnavia con due barre rosse. Il sentiero sale con ripidi tornanti verso lo spartiacque tra la valle del Rio Gandolfi e quella del Rio Grillo, con bei scorci sulla Val Varenna e il borgo di San Carlo. Alle spalle, in posizione dominante, si erge il Monte Figogna (806 m) con il Santuario della Madonna della Guardia. Si prosegue per lungo tratto parallelamente al tracciato di un elettrodotto. Attraversati i tralicci, ci si immette nell’ondulata conca erbosa del Piano Gandolfi che si attraversa salendo dolcemente sino al Colle Gandolfi (936 m). Di qui si svolta a sinistra lungo una strada sterrata che guadagna in breve la vetta del Monte Penello (995 m).

 

Passo del Turchino – Giovo Piatto – Colle Gandolfi – Monte Penello

Percorso di crinale lungo la tappa 22 dell’Alta Via dei Monti Liguri.

Difficoltà: E

Dislivello: 460 m

Durata: 2 ore

Lunghezza: 7 km

Dal Passo del Turchino (588 m), presso l’imboccatura settentrionale della vecchia galleria di valico ormai dismessa, si seguono i segnali dell’Alta Via dei Monti Liguri e ci si inoltra verso est lungo una strada sterrata che risale i crinali erbosi dei Monti Turchino (671 m), Ottine (725 m) e Prato d’Ermo (763 m). La sterrata scende leggermente sino al valico del Giovo Piatto (o Passo del Veleno, 657 m) e si trasforma in mulattiera. Da qui si prosegue verso l’ampia sella del Colle Gandolfi (936 m) e si piega a destra verso la vetta del Monte Penello (995 m).

 

Info utili