Wonderful Walking Genova

Il percorso si articola in tre tratte:
1)    Mura delle Cappuccine – piazza Corvetto;
2)    Piazza Corvetto – Villa Gruber;
3)    Villa Gruber – Castello d'Albertis.

Si tratta di un percorso urbano indicato da borchie destinato sia a chi corre, sia a chi vuole camminare all'interno della città, scoprendone aspetti spesso ignorati e svolgendo attività fisica.
Per i runner sono proposte alcune “stazioni” dotate di totem: utilizzando un QRcode si potrà visualizzare un breve filmato con una serie di esercizi fisici di riscaldamento e/o di distensione e di attività aerobica. I percorsi si articolano anche salendo e scendendo sulle rampe di alcune famose scalinate cittadine, composte ciascuna da circa venti gradini.
Si tratta di un allenamento prevalentemente pliometrico (la pliometria è "un movimento caratterizzato dalla successione di una contrazione concentrica a una eccentrica che possa costituire uno strumento di grande utilità nello sviluppo di alcune capacità motorie-condizionali basilari e composite") che va a stimolare la potenza aerobica e a migliorare il VO2 max (indica in millilitri il massimo volume di ossigeno consumato per minuto per chilogrammo di peso e definisce il livello cardiorespiratorio e aerobico personale) incidendo anche sull’aumento del metabolismo basale.
Sono stati individuati tre percorsi di allenamento: verde (easy), giallo (medium), rosso (hard), differenti per complessità tecnica e carico di lavoro. Ovviamente i tre percorsi possono essere anche scelti come semplice camminata a ritmo più o meno sostenuto.
Verde (easy)
Questa variante è l’ideale per tutti. Non presenta difficoltà eccessive ed è eseguibile più volte anche nella stessa seduta di allenamento, pensata per persone di qualsiasi età e livello di allenamento.
Giallo (medium)
Ideato per chi è definito sano (con prova test da sforzo valida) e per chi si allena con regolarità.
Rosso (hard)
Pensato per soggetti allenati e abituati a sostenere sforzi massimali sotto tutti i punti di vista: FC Max, vo2 Max, interval training, mix aerobico/anaerobico.
Dal punto di vista storico culturale il percorso è di forte impatto paesaggistico e offre una serie di strepitose viste sulla città. Si tratta di un viaggio nella Genova ottocentesca, con alcune importanti digressioni nella città dei secoli precedenti e successivi.
Grazie a questo percorso è possibile scoprire l’affascinante urbanizzazione ottocentesca della collina di Carignano fino alla circonvallazione a monte (realizzata sempre a fine ‘800) con punto di arrivo (o di partenza alternativa) nel Castello D’Albertis, fatto costruire dal capitano Enrico D’Albertis dal 1866 sulla collina di Montegalletto.
Le digressioni storiche riguardano: le mura trecentesche e le antiche porte della città, la scalinata delle Tre Caravelle con la piazza della Vittoria (realizzate negli anni Trenta del Novecento), le chiese e gli altri edifici religiosi che si incontrano lungo il percorso.
Il percorso sarà anche un’occasione per scoprire come queste importanti opere storiche siano state  “riutilizzate” (come le mura) o inglobate – in qualche caso “salvate” –  nella grande ristrutturazione ottocentesca di Genova, come nel caso dell'Acquasola, notevolmente modificata per tutto quel secolo.