• Rubens e i Palazzi di Genova

  • Celebrazioni Benedetto 15

  • Premio Paganini

    @ Giusi Lorelli Fotografa
  • Euroflora

  • Delfino

  • Castello D'Albertis

    Foto Carlo Alberto Alessi
  • Foto Frog Adv Porto Antico

    Foto Frog Adv
  • Forte Diamante

  • Green Pass

  • Visita Genova con la promozione Trenitalia

  • Ocean Race

  • Trenette al pesto - Foto Matteo Carassale

    Trenette al pesto - Foto Matteo Carassale
  • Acquario di Genova vasca

  • Panorama da Spianata Castelletto

    Panorama da Spianata Castelletto
  • City Pass

  • Genova Villa Balbi dello Zerbino - Foto Fabio Bussalino

    Genova Villa Balbi dello Zerbino - Foto Fabio Bussalino
  • Palazzo Bianco

  • Festa della Bandiera

  • Cimitero di Staglieno

  • Castello D'Albertis

  • Boccadasse colori

  • Cattedrale di San Lorenzo

  • Piazza De Ferrari e la fontana

  • Nervi

  • Palazzo Reale facciata

  • Salone Nautico

17ª Giornata del Contemporaneo doppio appuntamento con l’arte al Museo di Villa Croce

Sabato 11 dicembre il Museo di Villa Croce partecipa alla 17ª Giornata del Contemporaneo con due iniziative da non perdere. 
 
Sarà possibile visitare gratuitamente In ricordo di un amico, la personale di Gaetano Pesce ospitata nelle sale del Museo fino al prossimo gennaio. Organizzata dal Comune di Genova in collaborazione con lo Studio Pesce di New York, l‘esposizione è dedicata dallo stesso ar-tista alla figura di Germano Celant, personaggio dell'arte contemporanea e della cultura recentemente scomparso. 
 
Inoltre verrà presentata – opening dalle 11 alle 17.30 – l’opera #IORESTOACASA dell’artista Anto Milotta, in collaborazione con Arianna Spanò, a cura di Michela Murialdo. Si tratta di una realizzazione entrata all’interno delle pubbliche collezioni del Museo, in quanto progetto vincitore dell’avviso pubblico “Cantica21. Italian Contemporary Art Everywhere” - Sezione Over 35 promosso dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e dal Ministero della Cultura. 
 
L’opera in realtà è una vera e propria mostra che ripercorre – con foto, video e oggetti – la storia di Villa Martini, realizzata nel quartiere di San Fruttuoso da Gino Coppedè e appartenuta dal 1906 alla famiglia Martini che la acquistò da Evan Mackenzie. Nel 2006 la villa fu venduta ad alcuni membri della famiglia degli artisti e dal 2015 Anto Milotta e Arianna Spanò hanno iniziato a raggruppare, in un vero e proprio archivio, tutti i materiali – documenti, lettere, fotografie, certificati, oggetti – ritrovati negli anni all’interno dell’abitazione. All’inizio del 2020, a causa del lockdown gli artisti hanno deciso di servirsi di quella limitazione per dedicarsi all’esplorazione dell’Archivio Martini e intitolando il progetto proprio con #IORESTOACASA, l’hashtag protagonista dei primi mesi di pandemia. 
 
Esposte a Villa Croce anche le nove tavole che, mischiando insieme materiali differenti – fotografie polaroid, scansioni di disegni originali della villa di Coppedè, progetti di ristrutturazione del 2006 e pellicole gialle – evidenziano i cambiamenti di un secolo di storia. A chiudere il percorso un video di circa 30 minuti che ricostruisce il quadro storico e le vite dei suoi precedenti proprietari.
 
«Villa Croce sta diventando sempre di più un centro di produzione di iniziative culturali importanti e stimolanti – sottolinea l’assessore alle politiche culturali Barbara Grosso – In occasione della Giornata del Contemporaneo abbiamo deciso di offrire una testimonianza di questa vitalità a tutti i genovesi aprendo gratuitamente il Museo. Alla bella mostra di Gaetano Pesce, che sta riscuotendo un buon successo di pubblico, affianchiamo l’iniziativa di Anto Milotta che ripercorre la storia di una delle dimore che Coppedè realizzò e che costituiscono uno dei tratti peculiari dell’architettura della città. Invito tutti i genovesi a non lasciarsi sfuggire l’occasione per scoprire – o visitare nuovamente – uno dei musei civici più dinamici e sorprendenti di Genova».