Natura e Cultura 6 | Visitgenoa.it
Genova: le Strade Nuove e il sistema dei Palazzi dei Rolli iscritto nella Lista del Patrimonio mondiale UNESCO
Comune di Genova Comune di Genova
INCONTRI E RASSEGNE

Natura e Cultura 6

Dal 06.10.2016 al 08.06.2017
Museo Civico di Storia Naturale Giacomo Doria
Condividi questa pagina
Condividi

Come ogni anno, la Società degli Amici del Museo di Storia Naturale "G. Doria" organizza in collaborazione con il Museo un ciclo di conferenze e altre attività.

Le conferenze si svolgono nell'anfiteatro del Museo alle ore 17 e l'ingresso all'iniziativa è libero

Alcuni eventi sono riservati ai Soci della Società.

 

Info in Museo
Tel.: 010 564567

 

 

Appuntamenti
Miti, leggende e disinformazione su OGM
06.10.2016 17:00
Museo Civico di Storia Naturale Giacomo Doria

Incontro con Silvano Fuso, docente e divulgatore scientifico

La relazione esaminerà le più famose bufale mediatiche relative agli organismi geneticamente modificati (OGM). Inoltre evidenzierà come le informazioni che demonizzano gli OGM, paventandone ipotetici rischi mai dimostrati, trovino spazi ben maggiori rispetto a quelle che ne mettono in risalto gli aspetti positivi e a quelle basate su corrette evidenze scientifiche. In questa preoccupante opera di cattiva informazione si ritrovano alleati  molti  soggetti che condizionano pesantemente l’opinione pubblica. Quest’ultima poi, a sua volta, induce i decisori politici a scelte scriteriate che danneggiano pesantemente l’economia del paese.
 

La Natura e i suoi segni
03.11.2016 17:00
Museo Civico di Storia Naturale Giacomo Doria

Piante, animali e geomorfologia in Liguria

Giuseppina Barberis, Ivano Rellini, Sebastiano Salvidio, modera: Giuliano Doria

La Liguria è una delle regioni italiane con il più alto livello di biodiversità. Quali sono le peculiarità del paesaggio naturale? E le emergenze? L'attuale eterogeneità della natura ligure è determinata da vari fattori, che hanno interagito e continuano a interagire tra loro: storia geologica, posizione geografica, clima e azioni dell'uomo si sono integrati per millenni e hanno dato luogo a paesaggi variegati, che vanno dalle zone alpine alle coste rocciose a picco sul mare. Queste condizioni, tuttavia, hanno influito sul popolamento animale e vegetale, dando vita a situazioni critiche che è impossibile ignorare.

Conferenza a cura dell'Associazione Amici del Museo di Storia Naturale

Vaccini oggi: luci ed ombre?
01.12.2016 17:00
Museo Civico di Storia Naturale Giacomo Doria

Relatore: Gino Tripodi - Responsabile f.f. del Laboratorio Centrale di Analisi del'I.R.C.C.S G. Gaslini di Genova - Drettore del Dipartimento di Ricerca Traslazionale, Medicina di Laboratorio, Diagnostica e Servizi

La vaccinazione rappresenta una delle più importanti scoperte scientifiche nella storia della medicina moderna ed ha contribuito in modo fondamentale ad incrementare la speranza di vita del genere umano, aiutando di fatto a salvare milioni di vite. In passato, sino alla prima metà del 1900, la mortalità infantile si aggirava intorno al 25%, ciò significa che un bambino su quattro non superava i primi anni di vita. Oggi però, grazie all’azione congiunta di vaccini, norme igieniche ed antibiotici che hanno abbattuto l’incidenza delle malattie infettive, la situazione è radicalmente cambiata e la mortalità si è drasticamente ridotta sino ad arrivare al 3 per mille.
Un vaccino è una preparazione rivolta ad indurre la produzione di anticorpi protettivi da parte dell’organismo sfruttando prevalentemente la memoria immunologica, cioè il concetto secondo cui il nostro corpo incontrando per la prima volta un dato patogeno acquisisce le informazioni ed i mezzi utili a distruggere lo stesso qualora questo infetti nuovamente l’organismo considerato. I vaccini quindi, conferiscono una resistenza specifica nei confronti di una determinata malattia infettiva.
Le vaccinazioni costituiscono un "intervento collettivo", cioè utile a tutta la popolazione vaccinata e non. Questo perché i vaccini riducono la probabilità che un soggetto possa contrarre una data malattia ed ovviamente la possibilità poi che questo la sviluppi.

Ormai da molti anni però abbiamo assistito alla diffusione di una sempre più consistente avversione all'utilizzo dei vaccini che continua a prendere piede in Italia, principalmente attraverso internet e vere e proprie associazioni di "antivaccini" che diffondono le loro idee attraverso canali informativi alternativi, in virtù di presunti collegamenti mai confermati dal mondo scientifico tra le vaccinazioni e malattie specifiche tra cui patologie del sistema immunitario, autismo ed allergie.
La grave conseguenza di situazione è una profonda sfiducia da parte della popolazione verso i vaccini, le medicine in genere, le cure mediche e la sanità italiana, diffidenza proveniente anche da parte di quella fetta di popolazione non propriamente vicina alle teorie complottistiche ma fuorviata da tutta questa grande "bolla" (creatasi anche con la complicità dei massmedia), le cui conseguenze sono sicuramente preoccupanti.

Edilizia sostenibile: risparmio energetico e fonti rinnovabili
12.01.2017 17:00
Museo Civico di Storia Naturale Giacomo Doria

Incontro con Anna Magrini : Professore Ordinario di Fisica Tecnica dal 2006 presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Pavia. 

Il consumo energetico negli edifici incide pesantemente sulla produzione di gas climalteranti. L'Unione Europea stima che il 40% del totale consumo energetico dell'Unione sia da attribuirsi agli edifici. L'edificazione di nuove costruzioni incide circa per l'1% del totale degli edifici esistenti, che almeno per il 50%, in Italia, non hanno subito ristrutturazione. Questi elementi ci inducono a pensare che sia necessaria una politica di riduzione dei consumi energetici che, a livello di ciascuna singola unità abitativa, permetta di contribuire efficacemente a ridurre l'impatto sull'atmosfera. Azioni efficaci sono rappresentate dalla riduzione dei disperdimenti di calore attraverso un maggiore isolamento termico e dalla riduzione dei consumi di combustibile mediante l'uso di sistemi di regolazione e di generazione di calore più efficienti. Il fabbisogno di energia può essere efficacemente supportato, anche se non integralmente sostituito, da sistemi che sfruttino le fonti di energia rinnovabile che quindi non hanno impatto negativo sul pianeta. E' necessario percorrere questa strada tutti insieme, consapevoli che questa è l'unica via che ci permetterà di consegnare alle prossime generazioni un pianeta in salute e non sull'orlo del collasso.

Imbalsamazione e tassidermia: la ricerca dell’ eternità
02.02.2017 17:00
Museo Civico di Storia Naturale Giacomo Doria

Relatore: Enrico Borgo (Tassidermista e Ornitologo del Museo Civico di Storia Naturale “G. Doria” di Genova)

Perché Imbalsamazione e Tassidermia non sono la stessa cosa?
Cos’è la Tassidermia? Come si passa da un esemplare morto ad un soggetto pronto per le esposizioni (o le collezioni) di un Museo?
Queste ed altre curiosità verranno illustrate, per cercare di fare chiarezza su un argomento fortemente legato alle scienze naturali, molto particolare e poco conosciuto anche se ha origini molto antiche.
 

Storia e utilizzi delle erbe officinali
02.03.2017 17:00
Museo Civico di Storia Naturale Giacomo Doria

Conferenza di Laura Cornara

Dopo un breve cenno alla storia delle erbe officinali e un rapido excursus dagli antichi ricettari alla moderna Farmacopea, si affronteranno i concetti di etnobotanica, pianta medicinale e pianta officinale.  Saranno trattati diversi esempi di utilizzo delle erbe officinali per la cura delle più comuni e diffuse patologie, facendo riferimento in particolare alla medicina popolare italiana ed  evidenziando similitudini e peculiarità nell’uso delle piante medicinali nelle diverse regioni italiane. Verranno  infine considerate le  prospettive future della medicina tradizionale, con uno sguardo ai nuovi contesti innescati dalla globalizzazione e alle nuove potenzialità offerte dalla scienza  moderna.

 

INFO
tel. 010 564567

Cultura scientifica nell'antica Roma
06.04.2017 17:00
Museo Civico di Storia Naturale Giacomo Doria

Conferenza di Elisabetta Degl'Innocenti

La cultura romana, entrata in contatto con la scienza greca dal III secolo a.C., ne assume e rielabora alcuni aspetti a essa più consoni, mostrando di prediligere le filosofie morali (specie Epicureismo e Stoicismo), adottate come sistemi di interpretazione generale della natura e delle questioni scientifiche, e inserendole in un patrimonio di saperi propri della tradizione italica.
Molto avvertita dall’intellettualità romana è l'esigenza della divulgazione scientifica a vantaggio di una classe dirigente impegnata a livello politico, amministrativo e militare nei vasti territori dell’impero: come dimostra la diffusione in età imperiale di una manualistica tecnico-scientifica (ingegneria idraulica, medicina, farmacopea veterinaria, agricoltura, agrimensura, geografia e topografia ecc.).
In tutta la letteratura scientifica romana spicca l’opera enciclopedica di Plinio il Vecchio, indefesso erudito, “ministro” dell’imperatore Tito, ammiraglio della flotta tirrenica: la sua Naturalis Historia, panoramica sul patrimonio di conoscenze esistente nelle diverse discipline scientifiche, pervenuta integralmente, ha esercitato una forte influenza sullo sviluppo della cultura europea d’epoca medievale e moderna.
Per quanto riguarda la scienza applicata, emerge una situazione paradossale: da un lato i Romani disprezzano le tecnologie, considerando il lavoro manuale appannaggio delle classi inferiori, dall’altro operai, tecnici e imprenditori, civili e militari, danno vita a un insieme di concrete realizzazioni (come quelle in campo architettonico-ingegneristico o agricolo) di altissimo livello tecnologico, che hanno avuto un ruolo importantissimo nella affermazione della civiltà romana.

Elisabetta Degl’Innocenti
Laureata in Lettere classiche, è stata insegnante di italiano e latino nei licei di Genova. Da circa 20 anni svolge attività editoriale come autrice di manuali scolastici delle sue discipline, tra cui due storie della letteratura latina, vari versionari latini, numerosi manuali di scritturae altre opere, tutte pubblicate da Paravia e Bruno Mondadori (Pearson Italia).
 

Indonesia: strategie di sopravvivenza nel variopinto Reef
04.05.2017 17:00
Museo Civico di Storia Naturale Giacomo Doria

Incontro con Aldo Bafico, naturalista

La conferenza tratterà del reef di Raja Ampat, spettacolare scogliera corallina dell’Indonesia, studiato e fotografato di persona dal relatore.
In questo habitat, di cui verrà presentata anche la struttura e gli organismi che lo costituiscono, vi sono moltissimi metodi per trovare nutrimento, uccidere e parassitare il prossimo e gli animali che vivono al suo interno hanno evoluto alte specializzazioni ed elaborato strategie sofisticate per riuscire a sopravvivere e a sfruttare al meglio le risorse disponibili.
Ci soffermeremo sulle strategie adottate dagli organismi  in uno degli ambienti con la maggiore biodiversità marina al mondo.
Essi hanno sviluppato particolari morfologie in determinate parti del corpo, come la bocca dai denti a spazzola dei pesci farfalla, colorazioni atte ad ingannare prede o predatori, come il pesce rana, o associazioni con altri organismi, che vanno a creare quei legami complessi e spesso da noi non pienamente compresi che chiamiamo simbiosi, come nel caso del pesce pagliaccio e dell’anemone.
Alcuni animali possono essere mimetici e altri hanno sviluppato veleni per difendersi dalla predazione.
La sopravvivenza può essere intesa in molti modi differenti e, nel reef, ha moltissime sfaccettature diverse.
 

Fotografando il Parco del Beigua
08.06.2017 17:00
Museo Civico di Storia Naturale Giacomo Doria

Uno scrigno di Biodiversità e Geodiversità

Il Parco del Beigua è una delle zone più importanti dal punto di vista naturalistico della Liguria. La sua vicinanza al mare unita ai forti dislivelli altitudinali, al clima caratterizzato da notevoli contrasti e alle condizioni meteorologiche spesso contraddistinte da mutamenti repentini, sono alla base della diversità vegetazionale che si riflette in un'altrettanta spiccata biodiversità riscontrabile in modo peculiare tra la flora e la fauna del Parco.

Marco Bertolini, guida del Parco e fotografo Naturalista, ci accompagnerà attraverso i suoi scatti e le sue emozioni, alla scoperta dei fantastici paesaggi e degli incontri suggestivi che solo il Beigua può regalare!

 

L'autore: Marco Bertolini
Nato a Genova nel 1984, il suo interesse per la natura inizia fin da piccolo grazie ai genitori. Durante gli studi universitari in Scienze Naturali, incomincia la passione per la fotografia, che con gli anni diventa sempre più forte. Reputa la fotografia un mezzo straordinariamente potente per divulgare e sensibilizzare le persone alle tematiche ambientali. Attualmente si occupa di divulgazione ambientale al Museo Civico di Storia Naturale “G. Doria” ed è Guida Ambientale Escursionistica del Parco del Beigua.

 

INFO:
tel. 010 564567


TI POTREBBERO INTERESSARE...
GRANDI EVENTI
Dal 01.12.2017 al 31.01.2018
INCONTRI E RASSEGNE
INCONTRI E RASSEGNE
INCONTRI E RASSEGNE
Dal 27.10.2017 al 11.05.2018
GRANDI EVENTI
Dal 27.10.2017 al 29.10.2017
INCONTRI E RASSEGNE
Dal 26.10.2017 al 05.11.2017
INCONTRI E RASSEGNE
INCONTRI E RASSEGNE
INCONTRI E RASSEGNE
Dal 26.10.2017 al 05.11.2017
INCONTRI E RASSEGNE

Info utili

Museo Civico di Storia Naturale Giacomo Doria
Non accessibileNon sono ammessi animaliIngresso gratuito con City Card Musei
CALENDARIO DEGLI EVENTI
EVENTI DELLA SETTIMANA

Stay informed on our latest news!

Condividi contenuti
Genova Under 30
VIDEO
Orfeo Rave
SEGUICI SU TWITTER
SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU INSTAGRAM