• Il tempo dei presepi 2018/2019

  • Genova Città dei Festival

  • TEATRO | DICEMBRE "XVIII Circumnavigando Festival"

  • Paganini Rockstar

  • I macchiaioli

  • Da Monet a Bacon - Capolavori della Johannesburg Art Gallery

  • Fulvio Roiter. Fotografie 1948-2007

  • Teresa Maresca. Immersioni e Nature

  • Palio Remiero di Genova

  • Feste di Natale 2018 a Genova: tra luci, eventi e tradizione

  • Natalidea 2018

  • Ruota panoramica al Porto Antico 2018-2019

  • Sfiaccolata Natalizia 2018

  • Capodanno 2019 a Genova

  • Chiese in Musica - Feste di Natale 2018

  • Aperture straordinarie nelle festività natalizie 2018-2019

INCONTRI E RASSEGNE

I monti sono vecchi. Il fuoco nella storia del paesaggio ligure

05.10.2017 17:00
Museo Civico di Storia Naturale Giacomo Doria
Condividi questa pagina
Condividi

Conferenza con Roberto Maggi, già archeologo della Soprintendenza e docente a contratto di Ecologia preistorica dell'Università di  Genova.

I munti sun eggi (i monti sono vecchi), rispose nel 1979 un contandino del Genovesato per spiegane la nudità ad una domanda dell'Inchiesta agraria e sulle condizioni della classe agricola in Italia, voluta dal deputato Agostino Bertani, che da medico garibaldino aveva inutilmente curato le ferite di Goffredo Mameli durante la Repubblica Romana. Emilio Sereni, studioso enciclopedico, partigiano, membro del Comitato Insurrezionale con Pertini e Valiani, ministro nei primi due governi De Gasperi, fondatore della Storia del Paesaggio Agrario, notò la frase nel X volume degli Atti e la riportò nel suo Terra Nuova e Buoi Rossi, dedicato alla storia del Debbio.

La Liguria - ebbe a scrivere Fernand Braudel - è come un'isola formata da una catena di montagne confinata da due pianure, una solida ed una liquida. Sui versanti logorati dall'uso, cacciatori, raccoglitori, silvicoltori, contadini, pastori, mercanti e imprenditori salirono a monte o scesero a valle secondo le convenienze.

Oggi le montagne sono considerate barriere. Molti confini corrono sugli spartiacque. In passato non era così. Da molti millenni e fino a tre generazioni fa la montagna univa. Si parla e si canta in dialetto ligure oltre il Giogo, di là del Centocroci, su montagne oggi alessandrine, piacentine o parmensi.

Trent'anni di archeologia dell'Appennnino Ligure si condensano per discutere le molteplici attività umane che intrecciandosi nel corso dei millenni con i processi della natura hanno costruito il paesaggio ligure. Si focalizza in particolare la cronologia "alta" ed il contesto ambientale del sistema agro-silvo-pastorale che affonda le sue radici fino agli ultimi cacciatori-raccoglitori di 10.000 anni fa ed è pervenuto fino a forse tre generazioni or sono. Un sistema che con perizia ed efficacia ha utilizzato il fuoco quale potente strumento di gestione delle risorse ambentali, da quelle minerarie a quelle vegetali, animali, pedologiche e paesaggistiche.

INFO:
tel. 010 564567


TI POTREBBERO INTERESSARE...
INCONTRI E RASSEGNE
30.12.2018 (Tutto il giorno)
INCONTRI E RASSEGNE
INCONTRI E RASSEGNE
INCONTRI E RASSEGNE
INCONTRI E RASSEGNE
14.12.2018 21:00
INCONTRI E RASSEGNE
Dal 12.12.2018 08:30 al 15.12.2018 08:30
INCONTRI E RASSEGNE
Dal 07.12.2018 (Tutto il giorno) al 06.01.2019 (Tutto il giorno)
INCONTRI E RASSEGNE
Dal 05.12.2018 (Tutto il giorno) al 12.12.2018 (Tutto il giorno)
GRANDI EVENTI
Dal 01.12.2018 (Tutto il giorno) al 31.01.2019 (Tutto il giorno)
INCONTRI E RASSEGNE
Dal 28.11.2018 17:00 al 10.04.2019 17:00

Info utili

CALENDARIO DEGLI EVENTI
EVENTI DELLA SETTIMANA

Stay informed on our latest news!

Condividi contenuti